EVENTO DI CHIUSURA VINIMILO: ETNA A 360° VINI E SAPORI DEL VULCANO

Share your love

Chiacchiere e bicchiere di vino in mano, produttori in versione easy e grigliate sfrigolanti, dolci della nonna e musica. Un’atmosfera informale e coinvolgente ha caratterizzato la festa di chiusura di Vinimilo 2021 organizzata dall’Associazione della Strada del Vino e dei sapori dell’Etna nello spazio del Vecchio Mulino.

L’area trasformata per l’occasione in un’aia di campagna con le balle da fieno per le sedute dei visitatori, le candele e le catene luminose a dare il senso della festa, ha ospitato “L’Etna a 360°, Vini e sapori del Vulcano”, questo il nome dell’iniziativa che ha voluto puntare il focus anche su prodotti come le mele cola, la salsiccia al ceppo (neopresidio Slow Food), l’olio extravergine d’oliva e altri prodotti a “marchio” Etna.

Un richiamo irresistibile per duecento persone, un numero purtroppo limitato dalle regole anticovid e comunque il massimo che si potesse prevedere per un evento sold out. In degustazione una quarantina di etichette, suggerite dai sommelier Fisar, tutte provenienti dalle cantine etnee in abbinamento ai piatti cucinati dalla brigata dell’agriturismo Case Perrotta.

Alla serata, anche il sindaco di Milo, Alfio Cosentino, che si è intrattenuto fino a tardi per il bicchiere della staffa come nella migliore tradizione di ogni festa che si rispetti.

“Per noi è stato motivo di grande soddisfazione – ha dichiarato Gina Russo, la presidente della Strada del vino – vedere come tante persone, soprattutto giovani, abbiano accolto il nostro invito a chiudere in bellezza questa edizione di ViniMilo. Ringrazio il sindaco e la Pro Loco che ancora una volta ci hanno dato l’opportunità di organizzare la festa al Vecchio Mulino e mi auguro che l’anno prossimo si moltiplichi il numero dei produttori a disposizione dei visitatori, più siamo e meglio possiamo raccontare il nostro territorio, questo è il nostro obiettivo. Arrivederci al 2022”.

Associazione “Strada del Vino e dei Sapori dell’Etna”

Leave a Reply