Dinig with the star, atto secondo scena seconda… Ciak si gira!

Condividi il tuo amore

32 giorni, poco più di un mese per tornare a tuffarsi nella atmosfera fiabesca del San Pietro di Taormina per
la seconda delle cene stellate del ciclo Dining with the Star.

Questa volta il resident chef Angelo Franzò, ha ospitato il bistellato chef ragusano Vincenzo Candiano della
“Locanda Don Serafino”.
Non nego, cari lettori, che attendevo con trepidazione questo appuntamento, tanta la curiosità di vedere
come il simpatico chef ospite si sarebbe destreggiato al cospetto del collega blasonato (perdonatemi la
rima).
Quindi, armata della mia solita euforia e gettato a soqquadro il guardaroba per decidere di non avere nulla
di adeguato all’occasione (vezzi femminili che ogni tanto ci stanno…) e correre ad acquistare al volo un
tubino nero Sarah Chole da abbinare al sandalo dal tacco 10 di Baci e Abbracci (almeno per la serata volevo
evitare l’effetto ottavo nano), al trillo del campanello mi sono letteralmente precipitata giù dalle scale
(bypassando per un pelo l’effetto Cenerentola che fugge dal ballo) incontro al mio fido editore, privo di
destriero bipede (fortunatamente dato il modesto spazio di manovra che offrono gli abiti femminili) e via
verso questa nuova avventura…
Ed in effetti nella notte dell’eclissi di luna più lunga del secolo, tutto sembrava colorarsi di un aura
particolare: il giardino dell’Hotel Sanpietro con la vegetazione di un verde acceso fra siepi lussureggianti e
alberi dai tronchi possenti, richiamava alla mente una foresta tratta da qualche racconto di avventurosa
fattura.
Appena accomodati, come d’uopo in un luogo dove accoglienza ed eccellenza non fanno solo rima fra loro,
ma sono un must, il nostro palato è stato immediatamente solleticato da un fresco Di Legami Metodo
Classico Millesimato Extra Brut Biologico Grillo 2015 IGT (che ha più nomi lui, dell’ultimo nato dei reali
d’Inghilterra…) fatto apparire come per magia dagli instancabili uomini di Sala.
Qualche chiacchiera di rito fra colleghi e puff, un tripudio di sapori antichi rimescolati con la bacchetta del
tempo per portarli ad una dimensione attuale e democraticamente gustosa ci aspettava al tavolo.
Un successo, neppure a dirlo, le tre portate preparate da Vincenzo Candiano: Sgombro e Ricciola con
insalata estiva all’orientale e salsa di limone (Stuzzicantemente fresco), Grigliata d’Estate…capesante e
polpo arrosto con spuma di mozzarella di bufala e carbone di pane nero, crema di peperoni al barbecue
(Opulentemente gustoso) e Fagottini farciti di zucchina estiva e patate in brodo di tenerumi con code di
scampi arrosto (Commovente nella sua ricercata semplicità).
Risultati ottimali anche per Angelo che, forse stimolato dalla vicinanza dei colleghi Stellati, stavolta mi ha
colpita particolarmente per cura dei dettagli e impiattamento. La portata più riuscita per lui? Il ricordo:
voleva essere un uovo (Stimolante). Un omaggio alla famiglia nel suo Baccalà e sfincione secondo nonna
Giovanna (Timidamente innovativo) e ancora tradizione riportata al presente nel dolce (che avrei però
preferito un po’ più “bitter”) Ricordando la zuppa di Latte.
Fra una chiacchiera e l’altra, un calice di Grillo Di Legami (che pur essendo “parlante” ha reso loquaci i
commensali) una foto alla luna e un selfie di fine serata, si è giunti al momento dei e prima che il nostro
cocchio si trasformasse in zucca da risotto, io e il mio fido editore eravamo già in marcia per fare ritorno ai
rispettivi manieri con sulle labbra e nel cuore ancora i sapori della nostra tradizione e negli occhi le
immagini ed i colori con cui i due chef hanno saputo donare moderna eleganza alle portate proposte.

Menù

PICCOLE DOLCEZZE SALAT E F I N G E R F O O D D E L L A C A S A

Chef Angelo Franzò

 

I L R I C O R D O : V O L E VA ESSERE UN UOVO
Ingr: Albume d’uovo, caponata di melanzane, sedano, capperi, cipolla, olive, aceto, zucchero, concentrato,
pomodoro, menta, basilico. Croccante di pane “Gluten free”con origano e mouse tuorlo d’uovo.
Pomodoro, lime, sedano, Olio evo, sale marino, pepe

Chef Angelo Franzò

 

ANTIPASTO FREDDO
Sgombro e Ricciola con insalata estiva all’orientale e salsa di limone
Chef Vincenzo Candiano

 

ANTIPASTO CALDO
Grigliata d’estate….. Capesante, calamari e polpo arrosto con spuma di mozzarella di bufala
e “carbone” di pane nero, crema di peperoni al barbecue
Chef Vincenzo Candiano

 

PRIMO PIATTO
Fagottini farciti di zucchina estiva e patate in brodo di tenerumi e scampi con le sue code arrosto
Chef Vincenzo Candiano

 

SECONDO PIAT T O : B A C C A L À A S F I N C I O N E S E C O N D O N O N N A G I O VANNA
Ingr: baccalà, pan grattato “Gluten free” cacio cavallo, alici, cipolla, zafferano, pomodori secchi concentrato di pomodoro,
scorze arance e limone, Olio evo, sale marino, pepe
Chef Angelo Franzò

 


DESSERT: R I C O R D A N D O L A Z U P PA D I L AT T E
Ingr: crema a latte, tuorlo d’uovo, zucchero semolato e di canna, cioccolato, pan di Spagna,
menta, limone, biscotto a latte, frutti di bosco e fiori commestibili.
Chef Angelo Franzò

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.