Il messinese Paolo Romeo, nuovo “Chic Chef”. Da oggi è membro della prestigiosa Associazione Charming Italian Chef in cui brillano oltre 50 stelle Michelin

Condividi il tuo amore

Lo chef messinese Paolo Romeo è entrato a far parte della grande squadra di CHIC (Charming Italian Chef) composta
da oltre 100 esponenti della cucina creativa italiana, tra chef (oltre 50 stelle Michelin), maestri pizzaioli, panificatori,
pasticcieri e gelatieri. L’ingresso ufficiale del cuoco messinese nella prestigiosa associazione – che ha l’obiettivo di
trasmettere la cultura della cucina di qualità – è avvenuto nel corso del Congresso Chic 2019 che si è svolto oggi, lunedì
15 aprile, a Courmayeur. Nel corso dell’importante appuntamento, in cui si festeggiavano i 10 anni dalla data
di fondazione dell’Associazione, sono stati presentati al pubblico i nuovi progetti, il calendario delle attività previste per
l’anno in corso, la nuova edizione della Guida 2019/20 ed i nuovi associati.
“E’ un grande onore – afferma Paolo Romeo – entrare a far parte dell’Associazione che annovera tra gli iscritti
professionisti di grande spessore. Vorrei ringraziare il Direttore dell’Associazione Raffaele Geminiani e lo chef
siciliano Pietro D’Agostino, al quale sono legato da un rapporto di grande stima. Sono certo – conclude lo chef – che
questa nuova esperienza sarà molto utile per la mia crescita professionale”.
Paolo Romeo, 40 anni, festeggia con l’ingresso in CHIC un anno dal suo ritorno a Messina, dopo tantissimi natali
trascorsi lontano dalla sua città per lavoro. Da maggio 2018 è l’Executive Chef del gruppo Ristorativo Grecale
Ristorante Italiano, Kajiki ristorante giapponese, Villa Laura Resort, Kon Gusto Catering. La sua cucina sperimenta e
ricerca senza estremismi, rispettando e valorizzando le materie prime del territorio.
Con l’ingresso di Paolo Romeo nell’associazione si rafforza la presenza dei siciliani “Chic”, diventati 14. Tra loro gli
chef stellati Pietro D’Agostino, già consigliere dell’associazione, Accursio Craparo, Vincenzo Candiano e Giuseppe
Biuso.

 

Ufficio stampa
Valeria Zingale

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.